Celleno e Ceresara accomunati da storia e ciliegie

Ascolta l’intervista

Una particolare iniziativa di gemellaggio nata tre anni fa tra il Comune di Celleno e quello di Ceresara ha visto in Tuscia durante questo week end l’incontro entusiasta e partecipato delle scolaresche e dei sindaci dei due paesi.
Ma cosa accomuna Celleno a Ceresara? Il nome di uno dei due paesi è già un indizio perché come ci spiega la Sindaca del paese Laura Marsiletti, Ceresara viene dal latino e significa ciliegeto. E il nesso adesso è chiaro, nella Tuscia il paese delle ciliegie è Celleno e Ceresara ha un albero nel proprio stemma a simboleggiare la coltivazione di questo dolcissimo frutto.
La D.ssa Laura Marsiletti ci racconta che facendo una ricerca ha scoperto in comune con Celleno, diverse similitudini agroalimentari come il raviolo di ciliegie e collegamenti storici grazie alla famiglia Orsini che ha posseduto un palazzo nel loro paese.
Dopo aver contattato il sindaco Marco Bianchi, i due paesi hanno iniziato uno scambio culturale che è culminato nell’incontro di questo lungo ponte di fine aprile. Le famiglie di Celleno, con grande spirito di collaborazione e partecipazione a questa iniziativa si sono offerte di ospitare nelle proprie case, il gruppo di 50 studenti arrivati dopo un lungo viaggio in bus insieme a due insegnanti e alla Sindaca. La simpatia e il calore dei cellenesi hanno subito messo a proprio agio i giovani che hanno molto fraternizzato con i loro coetanei al punto da rinunciare spontaneamente all’uso del cellulare per godere appieno dell’ospitalità cellenese.
Giochi, escursioni, risate ed allegria hanno caratterizzato le giornate di gemellaggio tra i due comuni con grande soddisfazione del Dr. Marco Bianchi Sindaco di Celleno, che ci ha raccontato del progetto enogastronomico di abbinare uno dei vini della Tuscia alla ciliegia.
Il sindaco ci ha anche anticipato il programma della tradizionale Festa della ciliegia che si tiene annualmente a Celleno la seconda domenica di giugno, con la sfilata di carri allegorici e la vendita del prezioso frutto simbolo del paese, invitando tutti a visitare il borgo che è un autentico gioiello di architettura medievale.

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.