Incontri e tanti eventi della Tuscia nel weekend

Eccoci con un altro appuntamento del fine settimana nella Tuscia con molti incontri ed eventi importanti.

Si inizia sabato 24 ad Acquapendente al Teatro Boni con “Le guerre dall’obiettivo. Le esperienze dei reporter di guerra” un evento multidisciplinare con giornalisti, danzatori e attori, in memoria di Simone Camilli. Ci saranno le testimonianze di Lucia Goracci, corrispondente Rai da Istanbul che segue le guerre in Medioriente; Marco Clementi, inviato Tg1 con i suoi viaggi in Sudamerica e nelle aree di crisi; Franco Di Mare, conduttore televisivo e inviato Rai su vari fronti. Si parlerà di pace e di come i giovani di Gaza reagiscano alle distruzioni e alla guerra. Dalle guerre si passa ai grandi fatti internazionali: Manuela Moreno, conduttrice e inviata del Tg2, racconterà come nelle redazioni si affrontano emergenze e ci si prepara a riportare i fatti. L’evento è dedicato al videoreporter Simone Camilli, che per amore della verità ha sacrificato la propria vita il 13 agosto 2014 a soli trentacinque anni in un piccolo villaggio palestinese nella striscia di Gaza.

Sabato 24 marzo alle 16.00 nella sala conferenze di Valentano ‘incontro “Lago di Bolsena un bene prezioso da trasmettere integro ai nostri nipoti” relatrice, la dott.ssa Carla Carsetti. Sempre sabato dopo un ora esatta a Calcata, “Paesaggi di potere, lungo le vie della storia: da Narze a Mazzano e Calcata” Michele Damiani, archeologo medievalista illustrerà il fenomeno dell’incasellamento a nord di Roma, l’ingresso è libero.

A Palazzo Roberteschi di Orte invece la conferenza della dott.ssa Nadia Proietti dal titolo “La corte del sultano e la Turchia del ‘500” viste da un viaggiatore veneziano. Dalla documentazione storica dei pionieri dell’epoca si deducono i contatti tra la società veneziana e quella turca che però non produsse molti influssi, assai limitatissimi invece, soprattutto se si guarda nel senso dell’impronta turca su Venezia. A questo interrogativo cercherà di dare una spiegazione e articolare la discussione storica la dott.ssa Proietti, una di queste è rappresentata dal fatto che gli “Ottomani” rappresentano agli occhi dei veneziani il Nemico per eccellenza con la loro forma istituzionale di monarchia assoluta e tirannica concepita come un rischio per la pregiata “libertas veneziana”, che già nel lontano 500 era sinonimo di indipendenza, unita alla nobiltà del ceto dirigente

Sabato 24 alle 17,00 a Orvieto nella Sede Unitre altra interessante conferenza del professor Donato Catamano del laboratorio di Arti Visive “Suggestioni chopiniane Ritratto e autoritratto nel tempo” a ingresso gratuito.

Sabato 24 marzo alle 17,30 invece nella Biblioteca Comunale di Tuscania, la presentazione dei primi due volumi della collana “Codice diplomatico tuscanese” i più antichi documenti relativi alla storia di Tuscania, un’edizione curata da Giuseppe Giontella e Anna Alberta Santi. Presenterà i due volumi la dott.ssa Angela Lanconelli.

Una novità per questo fine settimana riguarda l’apertura straordinaria dell’isola Bisentina nel comprensorio del Lago di Bolsena in occasione delle giornate FAI di Primavera dalle 9,30 alle 17,30. L’accesso all’isola avverrà tramite traghetti con partenza ogni ora dal molo di Capodimonte. Con il suo valore architettonico e naturalistico, culturale e spirituale, costituisce uno dei patrimoni più preziosi del comprensorio del Lago di Bolsena e dell’intera Regione Lazio. L’ingresso è riservato agli Iscritti FAI, con un particolare suggerimento di presentarsi con la ricevuta dell’iscrizione già effettuata (possibilità di iscriversi online).

Domenica 25 marzo alle 9.30 a Barbarano Romano “Anticopresente” offre ‘opportunità a tutti di fare una visita al Parco Regionale Marturanum, un cammino di particolare bellezza dentro i meandri della forra, attraverso la sua storia. Un trekking archeologico alla ricerca della presenza femminile nel popolo etrusco.

A Vasanello sabato e domenica apertura ufficiale del castello baronale della famiglia Orsini: Castello Orsini, uno splendido tour tra ceramiche, musei e architetture medievali. Oltre al castello e alla fabbrica della “Ceramica Bassanello” che ha lasciato un segno evidente nell’evoluzione della ceramica artistica internazionale, sarà possibile visitare il giardino medioevale, ricostruito secondo i canoni del tempo, con le specie botaniche autoctone prima della scoperta dell’America. La visita proseguirà nelle chiese di S. Maria e S. Salvatore, il museo privato “Marco Ricci”- arti e mestieri di una volta e il museo comunale della “Ceramica Bassanellese”. La Domenica prenotando prima sarà possibile fare il Trekking all’area archeologica di Palazzolo, immerso nel verde della Selva dei Monti Cimini. E sempre su richiesta si andranno a ripercorrere le orme dei vecchi Maestri Cocciari con la passeggiata illustrata “I cocciari” tra ceramica e museo. Per info: www.comune.vasanello.vt.it

25 marzo è la festa dell’Annunciazione dell’Angelo a Maria e Viterbo si ferma per la Fiera dell’Annunziata con bancarelle, colori, profumi e allegria nel centro della città. In esposizione tantissimi prodotti, dall’artigianato all’abbigliamento, dai giocattoli alle piante, a mille curiosità.

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.