Intervista a Fiorenzo Mascagna: il potere delle parole non dette

Scultore di Viterbo appartiene alla classe 59.

Ha insegnato Percezione e Psicologia della Forma presso l’ABAV di Viterbo e muove la sua indagine verso la felice comunione tra tradizione e innovazione. È dislessico ma la sua malattia gli ha permesso di fare della sua diversità una preziosità. Lo abbiamo incontrato per farci raccontare la sua esperienza e per conoscere più approfonditamente i risultati della sua ricerca.

Salve Professor Mascagna, è da qualche anno che sta conducendo la sua ricerca estetica sulle potenzialità dell’espressione artistica e il suo impatto sulla coscienza umana. Ci racconti da dove comincia il suo percorso e perché ha scelto di indagare un campo che potremmo definire di frontiera tra lo studio dell’immagine e quello della psiche umana.

Come lei stessa ha anticipato focalizzo il mio lavoro sulla ricerca di una possibile “conciliazione degli opposti” sulla scia delle proficue indagini svolte dal famoso filosofo Gaston Bachelor che componeva versi per trattar di scienza, intrecciando il caotico pathos del sentimento alla logica determinazione del mondo scientifico.
Poesia e scienza: una roba da matti, un ossimoro, un’allucinazione. Ma la chiave esiste ed è nello spostamento del punto di vista….
Fin dalla tenera età sono stato affetto da Dislessia un disturbo del linguaggio che ho dovuto imparare a gestire prima ancora di combattere. Non è stato facile; ricordo di aver imparato a leggere solo dopo la scuola media!
Però poi c’è stato un qualcosa che è scattato dentro, un cambiamento. Ho iniziato a spostare il mio punto di vista.

Cosa intende esattamente?

La dislessia comparta dei ben noti svantaggi alla comunicazione ma allo stesso tempo ha anche dei vantaggi. Il non poter procedere per la solita strada spinge a cercare un’alternativa. Si affinano le facoltà intuitive. Questo percorso obbligato dalla mia condizione mi ha fatto approdare ad una nuova consapevolezza: la comunicazione ha bisogno di metodo.
Questo deve essere fondato sull’attenzione al proprio interlocutore; una buona comunicazione avviene se il messaggio viene recepito correttamente, ed è facile intuire quanta parte svolge la scelta delle giuste parole. Non c’è potere nel registro, ma potere della parola.

In passato lei è stato docente di Percezione e Psicologia delle forme all’ABAV. Ora si dedica in primis alla sua arte e non di rado organizza conferenze a tema. Cosa le ha portato l’esperienza in Accademia?

L’accademia è stato il mio campo di prova e verifica delle mie teorie. È lì che ho sviluppato il concetto di lezione come “intrattenimento culturale”.
Prima ancora di informare, il mio obiettivo era creare empatia col pubblico utilizzando il racconto come didattica formativa, che “inocula dolcemente cultura” nella coscienza del soggetto.
Abbandonando la linearità del pensiero sequenziale mi affido alla tecnica del “pensiero laterale” che, con i suoi collegamenti ad argomenti esterni, non ci informa solo dei fatti ma riesce a descrivere un contesto o una personalità con le sue attitudini.

Partendo da una condizione di subalternità in cui la dislessia lo obbligava, Mascagna è riuscito a trovare la sua carta vincente.

Il suo è un territorio di confine tra potenza evocativa della parola e discorsività dell’immagine.

Frutto delle sue ricerche sono i suoi 2 densi lavori “Colore come frontiera della visione” e il fresco di tiratura “Il rosso, il blu e l’oro. Il medioevo questo sconosciuto” presentato lo scorso Aprile a Bolsena presso la libreria “Le Sorgenti”.

Quest’ultimo è stato definito dall’autore stesso “un libro che discute la storia senza essere un libro di storia”, un racconto poetico che attraversa il vissuto dell’umanità come un viaggio antropologico.
Attualmente Mascagna presiede l’Associazione Culturale Itinerart Cultura con la quale organizza lezioni d’approfondimento sul mondo dell’arte contemporanea e non.  Il prossimo appuntamento è fissato per il 21 Luglio 2017 ore 18:00 presso La Commenda.

Giovanna Calabrese

https://www.mascagna.net/

https://www.itinerart-cultura.it/

https://www.itinerart-cultura.it/scrittii-critici/

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.