L’esperienza della Costituente nella formazione di Moro

Attesa per il prossimo convegno del 25 novembre su Moro e la Costituente.
L’incontro, che si terrà presso la Sala Conferenze della Curia Arcivescovile, è organizzato dall’associazione culturale nazionale Giorgio La Pira, con il patrocinio della Fondazione “Giorgio La Pira”, dell’Accademia di studi storici “Aldo Moro”, dell’Archivio storico Flamigni, del Comune di Civita Castellana e dell’Istituto Midossi.

Al centro del dibattito, l’esperienza alla Costituente, che rappresenta una tappa fondamentale nella biografia politica del grande statista Aldo Moro.
Sarà proprio in questa circostanza infatti che il leader Dc porterà a profonda maturazione le esperienze e le riflessioni elaborate negli anni precedenti come studioso di diritto e come attivo esponente dei movimenti universitari cattolici.
In virtù di questa complessa elaborazione, Moro sarà in grado di sviluppare una visione della politica costituzionale tutta personale.
Il fulcro sarà la sottesa finalità di orientare le energie e la volontà del Paese nella visione ideale, delineata nella prima parte della Costituzione, di uno Stato democratico e sociale.
Per raggiungere questo obiettivo, il politico riteneva necessario che tutte le forze politiche lavorassero in maniera coesa, disdegnando posizioni elitarie, ma, al contrario, cercando di aggregare le più ampie componenti sociali.
Questo passaggio è fondamentale nella concretizzazione dell’azione politica di Moro e anche nella sua fase di transizione dal centrismo al centro-sinistra.
Un ideale portato avanti con coraggio e determinazione fino ad arrivare al sacrificio della vita.
Il convegno affronterà la complessa tematica con il prestigioso contributo di storici e professori autorevoli, provenienti da ogni parte d’Italia.

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.