Obiettivo donna. Quando la violenza è di genere

Obiettivo donna. Quando la violenza è di genere, organizzato dalla Ewwa Polo Viterbo, è incentrato sul tema della violenza di genere, ha ottenuto il patrocinio del Comune di Nepi, della Ewwa e della World SF Italia ed è stato anche inserito nella Settimana del benessere sessuale della Federazione Italiana Sessuologia Scientifica.
Obiettivo donna. Quando la violenza è di genere si articolerà nell’intera giornata con una prima parte di approfondimento aperta a tutti (con seminari e tavole rotonde) e una seconda sessione di lavoro, più specifica per lettori, scrittrici e addetti ai lavori, con presentazioni letterarie, approfondimenti tematici e un corso di scrittura creativa. Esperti e operatori del settore si avvicenderanno durante il ricco programma di incontri e dibattiti.
Così come specificato nella pagina facebook del Polo Ewwa Viterbo dalle organizzatrici, Loriana Lucciarini e Monica Serra: «intendiamo aprire in questo modo le attività del Polo, con un’iniziativa capace di offrire punti di vista, informazioni e approfondimenti sul tema della violenza di genere; un fenomeno purtroppo in crescita, che vede una crescita quotidiane notizie di cronaca e episodi efferati che colpiscono soprattutto le donne, nel corpo e nell’anima. Speriamo di riuscire a coinvolgere colleghe e colleghi scrittori, intellettuali ed educatori, perché in questo ambito ognuno di noi può fare qualcosa, dal supporto operativo alla spinta al cambiamento culturale della società, attraverso la letteratura e la scuola.»

Loriana Lucciarini – Monica Serra Riferimenti:ricordiamo che il Polo Ewwa Viterbo è alla pagina facebook @EwwaPoloViterbo, e che per ulteriori informazioni potete contattare Monica Serra o Loriana Lucciarini a queste email: molly68.ms@gmail.com – lorianalucciarini@hotmail.com

Ecco nel dettaglio l’evento

Nella prima parte della mattina i lavori saranno aperti a classi, istituti, educatori per provare a dare una risposta alla domanda
Perché la donna si trasforma da persona a obiettivo della violenza?
Parteciperanno alle tavole rotonde tematiche e al seminario conclusivo esperti e tecnici, per dare un contributo sul tema.
Sara Rossetti (esperta in comunicazione) e Luigina Sgarro (psicologa) affronteranno la sessione “Il fenomeno: affermazione e evoluzione del ruolo della donna nella società.
Excursus su emancipazione, stereotipi, ruolo e corpo delle donne
”.

Stefano Eleuteri (sessuologo), Sara Pollice (operatrice centro antiviolenza BeFree) e Luigina Sgarro (psicologa), approfondiranno la sessione: “Le conseguenze: i segni della violenza nell’anima, nel corpo e nella vita della donna”.

Il seminario conclusivo della mattina, dal titolo “La difesa: dalla parte delle donne. Gli strumenti a sostegno e a tutela delle donne vittime di violenza” vedrà contributi di varia natura, tesi a approfondire i vari strumenti: legali (con l’avvocato Maria Teresa Altorio), sindacali (con la partecipazione di una sindacalista della Fiom-Cgil), operativi (con l’intervento di Valentina Bruno, del centro antiviolenza Erinna), rispetto ai progetti sul territorio (a cura di Eliana Gai, consigliera Pari Opportunità del Comune di Nepi), culturali (con Elisabetta Flumeri, scrittrice e presidentessa Ewwa).
Il maestro Valerio Burgio, della scuola di difesa personale WT Action Viterbo concluderà la prima parte della giornata, con un contributo sull’autodifesa, norme di comportamento.
Dopo una pausa i lavori del pomeriggio riprenderanno dalle ore 14.30, questa volta incentrati sulla letteratura ed editoria, rivolti principalmente a lettori, scrittrici e addetti ai lavori: “La cassetta degli attrezzi per una narrazione di genere e un progetto efficace sulla violenza contro le donne”.
Il primo appuntamento sarà una presentazione letteraria multipla “Narrazione donna: Storie di donna e di violenza”, che illustrerà titoli quali: 4 Petali Rossi, frammenti di storie spezzate di Arpeggio Libero, Eva non è sola di ElleEmme, La pelle non dimentica di Le Mezzelane edizioni, Rosa Sangue di Altrimedia edizioni.
Saranno presenti le autrici Loriana Lucciarini, Lorena Marcelli, Francesca Garello, Luigina Sgarro, Monica Serra e l’editora Rita Angelelli.
Seguirà il focus su “Come realizzare progetti editoriali di antologie solidali a sostegno dei centri antiviolenza” con un incontro con i curatori editoriali di Arpeggio Libero, Elle Emme e Le Mezzelane. A conclusione, il corso di scrittura creativa a cura di Andrea Franco, della Franco Servizi Editoriali, corso incentrato su “Come scrivere di violenza. La sensibilità narrativa”. Il corso è gratuito per le iscritte Ewwa ma può essere prenotato a un costo di 10 euro.
Prenotazioni e iscrizioni sulla pagina facebook @EwwaPoloViterbo

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.