Ornella Vanoni: Come Nasce Una Star!

Ornella Vanoni è l’artista femminile più longeva della musica italiana, costantemente in attività dal 1956.

La Vanoni nasce a Milano il 22 settembre 1934. Figlia di un industriale farmaceutico, studia dalle Orsoline poi va in collegio in Svizzera, Francia e Inghilterra. Il suo desiderio è di diventare estetista ma un amica della mamma le suggerisce di iscriversi alla scuola di recitazione del Piccolo Teatro di Milano.

Nel 1956 Ornella debutta a teatro in  Sei Personaggi In Cerca D’Autore di Pirandello, la prima vera esibizione canora è del 1957. La Vanoni dà corpo alla figura dell’artista impegnata, la cantante intellettuale, sofisticata, che desta particolare interesse. Strehler le cuce addosso il repertorio perfetto, Le Canzoni Della Mala. Ben presto la Vanoni si stanca dell’ambiente del teatro e anche della relazione con Strehler e molla tutto. Nel 1960 alla Ricordi la Vanoni incontra Gino Paoli con il quale nasce una profonda intesa professionale e amorosa. Paoli scrive per lei Me In tutto Il Mondo. Il grande successo arriva poco dopo… Gino colpito dalle grandi mani di Ornella scrive Senza Fine. Nonostante la Vanoni fosse perdutamente innamorata di Gino Paoli nel giugno del 1961 si sposa con Lucio Ardenzi. Il matrimonio dura pochissimo, dopo la nascita del loro figlio, Cristiano, la coppia, già in crisi da tempo, si separa. Nel 1961 la Vanoni partecipa a Canzonissima con il brano Cercami. Il riferimento a Gino Paoli è evidente e la canzone diventa il primo grande successo commerciale della cantante milanese con oltre 100 mila copie vendute. Nello stesso anno viene pubblicato il suo primo album che riunisce alcune Canzoni Della Mala con canzoni d’amore. Ornella si divide tra teatro e dischi e continua a incidere canzoni di Gino Paoli, celebre la sua versione di Che Cosa C’è. Nel 1966 la Vanoni si presenta a Sanremo con Io Ti darò Di Più. La canzone diventa un successo enorme anche se Ornella dichiarerà che non hai l’ha mai amata ed è stata costretta dalla casa discografica a inciderla. L’anno successivo la cantante milanese torna al Festival della Canzone italiana per presentare La Musica E’ Finita. Sempre impegnata su più fronti, Ornella Vanoni è molto richiesta anche dalla tv, viene infatti scelta per condurre 5 puntate di Studio Uno, il varietà più amato dagli italiani. Nel 1967 cambia etichetta discografica e pubblica il suo primo album con la Ariston. S’intitola Tristezza ed è un nuovo grande successo. Agli inizi degli anni ’70 Ornella è in cima alla classifica con il brano L’Appuntamento, scritto da Roberto Carlos e Bruno Lauzi. Un trionfo senza precedenti che fa registrare le 600 mila copie vendute.

Ornella si divide sempre tra musica, teatro e tv.  Nel 1974 la Vanoni dopo aver lasciato la Ariston fonda una sua etichetta discografica, la Vanilla, insieme al suo attuale compagno Danilo Sabatini. Il primo album edito dalla sua casa discografica è A Un Certo Punto, un disco da vertice della classifica con mezzo milione di copie vendute. A raddoppiare i successi ottenuti nel ’76 arriva La Voglia, La Pazzia, L’Incoscienza, L’Allegria. Il disco è realizzato con la collaborazione di Sergio Bardotti con Vinicius De Moraes e Toquinho ed è registrato interamente in presa diretta. Gli anni ’70 si chiudono con l’ennesima hit, Vorrei Darti, contenuta nell’album Vanoni del ’78 e il primo dei quattro volumi di: Oggi Le Canto così, uscito nel 1979, in cui reinterpreta alcuni dei suoi brani storici. Che cosa ci regalerà Ornella negli anni Ottanta?

Anna Patti.

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.