Presepi viventi della Tuscia: dalle origini del presepe alle rappresentazioni

Il giorno di Natale è sempre più vicino e, seppure abituati a vedere luci, panettoni e alberi ormai da parecchio tempo, i paesi della Tuscia si apprestano a dare gli ultimi ritocchi dei presepi. Il ricordo più dolce di queste festività, sono i bambini che attendono impazientemente di mettere Gesù Bambino nella grotta nella notte di Natale – non prima però di aver sbirciato sotto l’albero per controllare che Babbo Natale abbia portato i regali.

Ma quando nasce il presepe?
Nessuno può sapere con certezza la data di origine, si parla di Medioevo, ma vi sono fonti che attribuiscono la nascita a molto tempo prima; un antico presepe (in alabastro) risale al 1283, ancora ammirabile nella Cappella Sistina della Chiesa di Santa Maria Maggiore a Roma, per opera di Arnolfo da Cambio. In Italia, i primi luoghi che iniziarono a dedicarsi a questa tradizione, furono la Toscana e il Regno di Napoli: quest’ultima detiene ancora oggi, il primato per cultura e innovazione.
Se la storia attribuisce questa nascita a tempi antichissimi, stessa cosa vale anche per il presepe vivente: la prima rappresentazione avvenne nel 1223 per opera di San Francesco d’Assisi a Rieti; da allora si diffuse nel resto d’Italia e in tutti i Paesi Cristiani.

I presepi viventi 2017 della Tuscia
Fino a qualche anno fa, i paesi che organizzavano questo “spettacolo religioso” non erano molti, oggi invece, non è necessario fare chilometri per poterli ammirare; tradotto in chiave moderna, scegli il presepe più vicino a te:

Montefiascone : 26 dicembre/ 1 e 6 gennaio presso P.zza Vittorio Emanuele e Piazzale Frigo alle ore 17.00
Civita di Bagnoregio: 26,30 dicembre/ 1,6,7 e 8 gennaio dalle 16.30 alle 19.00
Chia-Soriano nel Cimino: 26 dicembre / 1 e 6 gennaio dalle 17.00 alle 19.00
Bolsena: 26 dicembre e 6 gennaio alle ore 17.00 presso quartiere Castello
Sutri: 26 e 30 dicembre/ 1,6 e 7 gennaio presso Parco Archeologico
Vetralla: 25 e 26 dicembre e 6 gennaio
Tarquinia: 26,30 dicembre e 1 e 6 gennaio
Caprarola: 26 dicembre/ 1 e 6 gennaio dalle 16.00 alle 19.00 presso il centro storico
Ronciglione: 26 dicembre e 6 gennaio dalle ore 17.00
Onano: 6 gennaio alle ore 17.00

Un motivo in più per alzarsi da tavola!

Buona feste a tutti!!!

Isabella Bellitto

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.