L’ozio è il padre dei vizi

Ascolta “2. Riscoprire la ricchezza del vuoto:l'ozio è il padre dei vizi” su Spreaker.

Gli anni dell’ infanzia dovrebbero essere trascorsi nella lentezza, senza l’ esigenza di rincorrere giornate fitte di impegni. La vita dei bambini è oggi piena di appuntamenti con la palestra, la scuola di musica, i laboratori creativi e tanto altro. Molti genitori sono convinti che quanti più stimoli forniranno ai propri figli, quanto più questi diventeranno competenti, intelligenti e creativi. Al contrario, questa corsa a fare sempre di più produce una grande quantità di stress e due pericolose conseguenze: l’ incapacità di gestire i “tempi vuoti”, vissuti come minacciosi ed ingestibili buchi neri, e la riduzione della capacità immaginativa. L’ eccesso di impegni provoca l’ impossibilità da parte del bambino di esplorare l’ ambiente in maniera autonoma, ricercando senza fretta un modo per organizzare il proprio mondo. Correre da un impegno all’altro lo sottrae alla sua occupazione più importante: perdere tempo. Senza questo tempo vuoto, infatti, non è possibile lasciar sedimentare le emozioni per poterle conoscere ed elaborare. Senza la noia il cervello non è in grado di fantasticare perché è sempre costretto a prestare attenzione, con detrimento della capacità immaginativa. Il bambino ha un vitale bisogno di annoiarsi per poter dare da solo un significato al tempo, non solo quello del gioco ma soprattutto quello interiore, il tempo delle emozioni e dei pensieri. E’ infatti in questo “tempo perso” che il bambino impara a stare con sé stesso e a rielaborare le sue esperienze con calma. Teniamo presente, inoltre, che un cervello infantile in costante allerta è un cervello che non riesce a controllare le pulsioni interne perché produce un eccesso di cortisolo. E’ quindi fondamentale, per la crescita equilibrata dei nostri figli, abbandonare il culto della prestazione per restituire valore al tempo ripetitivo, lento e prevedibile del sogno e dell’ emozione.
Dott. ssa Francesca Spadaccia

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.