Treno Storico: parla Stefano Mecali

In vista della prossima realizzazione del Treno Storico per la città di Viterbo ideato da Tuscia Events e Terra Tua, per l’importante giorno del 3 Settembre dedicato a Santa Rosa, RadioTusciaEvents incontra uno dei suoi organizzatori, il ciclista Stefano Mecali.

Ad oggi Stefano Mecali è presidente dell’ Associazione Culturale Terra Tua nell’ambito della quale ha organizzato il Treno storico di Vigna di Valle lo scorso maggio.

Per il mese di Settembre Mecali  ha cercato la collaborazione dell’Associazione Tuscia Events  per la realizzazione di un nuovo Treno Storico  che interesserà la città di Viterbo.

 

Salve Signor Mecali, ci racconti come nasce la sua associazione e l’idea del treno storico.
Terra Tua è nata nel momento in cui Rete Ferroviaria Italiana ha deciso di donare in comodato d’uso le case cantoniere prossime alle stazioni. Terra Tua ha ottenuto l’usufrutto di un piccolo locale di 8 mq, completamente gratuito esclusi i servizi elettrici. Da quel momento l’associazione ha avuto la sua sede ufficiale. L’obiettivo prefisso è da sempre stato il turismo ecologico, e nel tempo abbiamo realizzato progetti di cicloturismo e passeggiate turistiche presso il lago di Martignano, il Museo dell’aeronautica di Vigna di Valle, la Caldara di Manziana, la città morta di Monterano.
Questa maniera di fare turismo nel rispetto dell’ambiente circostante, dinamico e in stretto contatto con le tipicità del territorio, sembra essere preferito soprattutto dagli stranieri, non a caso i nostri maggiori clienti sono Tedeschi e Inglesi. Il pubblico italiano continua a rimanere una piccola minoranza in quest’ambito e la progettazione del Treno Storico serve anche a coinvolgere maggiormente la popolazione locale, spesse volte lasciata da sfondo, seppur pittoresco.
Oltretutto, da parte mia, c’è anche una forte passione per il mondo della ferrovia e quindi per tutto l’immaginario legato al tema del viaggio in treno e alla sua storia tramandatomi da mio padre, capostazione di Anguillara negli anni 80.
Riuscire a organizzare un Treno Storico e partecipare alla sua corsa diventa un po’ come rivivere la storia, del popolo ma anche della mia famiglia.

Che locomotiva verrà utilizzata e qual è la tratta che coprirà Il Treno Storico per Santa Rosa?
La locomotiva è la 625-017 un modello a vapore del 1910 che per anni ha fatto servizio nella provincia Viterbese. Dagli abitanti è conosciuta come “la Signorina” per il suo modo elegante di ondeggiare sui binari in corsa. Le carrozze che seguiranno saranno invece del 1933 e sono ricordate soprattutto per i loro caratteristici balconcini esterni, i cosiddetti terrazzini, utili al personale di bordo per spostarsi più velocemente. Le prime 2 carrozze sono fornite di ben 86 sedute, l’ultima invece solo 32 con la presenza di un piccolo angolo bar che vedremo di rendere attivo per l’occasione. Abbiamo un totale di 207 posti.
Ovviamente il personale sarà specializzato per l’uso di un mezzo a vapore che richiede specifiche competenze tecniche per la messa in opera e la conduzione della macchina.
La corsa partirà da Roma, effettuerà le fermate di San Pietro e Bracciano, arrivando a Viterbo per le ore 16:30 circa. Dopo una breve sosta ripartirà per Montefiascone così da permettere a nuovi passeggeri di salire sul Treno Storico rientrando in un’ora a Viterbo, in tempo per la sfilata della Macchina di Santa Rosa.

 

Quali sono i costi del progetto?
Grandi progetti richiedono cospicui investimenti ma non ci lasciamo spaventare.
L’obiettivo è quello di dare a Viterbo quella visibilità che merita in corrispondenza della sua bellezza paesaggistica e ricchezza culturale. Inoltre  Tuscia Events  vanta una importante presenza sul territorio ed è in grado di dare la giusta visibilità all’evento.
In Italia si contano già diverse iniziative che impiegano Treni Storici per la valorizzazione del territorio: sono da esempio il Treno Storico Sciano Monteantico in Toscana, La Strenna in Trentino, il Reggia Express in Campania. È giusto dare anche a Viterbo lo stesso valore rilanciando una tradizione che ha caratterizzato il suo passato.

Ringraziamo Stefano Mecali.

Manca poco più di un mese alla Festa di Santa Rosa.
A presto nuovi aggiornamenti sul Treno Storico del 3 Settembre. Restate sintonizzati.

Giovanna Calabrese

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.