Un festival contro il bullismo e cyberbullismo

Il bullismo ed il cyberbullismo rappresentano una vera interferenza per la serenità di molti ragazzi. Dal 30 marzo al 2 aprile Viterbo ospiterà la terza edizione del “Festival Nazionale dell’Educazione” presentato da Educazione Emotiva e Caffeina, che coprirà centralmente tali problematiche.

Come viene evidenziato dal nome del contest “Metti il bullo nella rete!” lanciato dal media partner Focus Junior proprio in occasione dell’evento, gli intenti saranno concentrati sulle possibili soluzioni volte a contrastare queste pesanti dinamiche giovanili. Infatti saranno premiati i primi tre istituti scolastici che presenteranno le migliori proposte di legge anti-bullo, o pro-serenità come dir si voglia.
La proposta che emergerà fra le altre sarà inoltre pubblicata nella stessa rivista lanciatrice dell’iniziativa.

Il Direttore scientifico Rosanna Schiralli, aprirà la quattro giorni con la presentazione dell’evento.
La dott.ssa Schiralli, membro di Educazione Emotiva come psicologa e psicoterapeuta, sostiene che entrare in connessione coi propri figli dipende da quanto tempo e quanto amore vogliamo investire, e che la scienza possa aiutare in questa dinamica.

Successivamente assieme agli altri partecipanti ci sarà l’intervento dello psicologo e psicoterapeuta Federico Bianchi di Castelbianco che entrerà nel vivo della questione con lo spazio intitolato: “L’eccessiva medicalizzazione a scuola, il bullismo e il cyberbullismo”.
Come sostiene Castelbianco, il bullismo è un comportamento che si origina dal bambino arrabbiato che, incontrando un bambino più vulnerabile, sfoga il suo bisogno di sentirsi migliore facendo di fatto del male a chi viene sottomesso.

Tale fenomeno purtroppo, come emerge da recenti ricerche, è presente in più della metà degli adolescenti che vedono così disturbata una fase molto delicata, che è quella dello sviluppo.
La sensibilizzazione negli istituti scolastici, come anche l’informazione dei genitori, potrà giocare un ruolo fondamentale di prevenzione ma anche di intervento per tutelare la salute emotiva dei ragazzi che ne hanno bisogno.

Altro tema centrale sarà il cyberbullismo. Le tecnologie hanno un enorme potenziale, ma sono anche un canale di comunicazione che i giovani usano, difficilmente distinguendo fra vita offline ed online. Questo è il motivo per il quale il bullismo come il cyberbullismo siano dinamiche così vicine ed interconnesse, e richiedono un approccio ed una analisi nuova per riportare una salute psico-emotiva nei ragazzi, che proprio nella loro età sviluppano il carattere.

Interverrà inoltre Stefano Eleuteri, Psicologo della salute, Psicosessuologo e Psicoterapeuta, nonché curatore della nostra rubrica Sex Appeal, trattando una facciata in particolare del tema del festival: “Bullismo e identità sessuale: quando il sesso fa la differenza”.

L’evento prenderà luogo alla Sala conferenze dell’Amministrazione provinciale di Viterbo in via Saffi 49.

Emilio Gherardi

 

Per maggiori informazioni sul programma cliccate sulle immagini in basso:

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.