XIII Edizione, Garbatella Jazz Festival

Torna anche quest’anno dal 21 al 23 settembre, il festival gratuito piu’ amato di Roma: il Garbatella Jazz Festival, che ormai e’ alla sua tredicesima edizione. L’evento si svolge alla Villetta durante tre giorni di concerti dal vivo e stavolta ha un valore speciale: la rassegna sara’ dedicatata a Pino Sallusti, contrabbassista e bassista di Roma e direttore artistico del Festival per sette anni, scomparso pochi mesi fa.
“Il jazz nasce originariamente come forma musicale di speranza e di conforto per divenire un fenomeno musicale solamente a cavallo tra l‘800 e ‘900, – dice Pasquale Innarella, musicista e nuovo direttore artistico del Festival – esplodendo in una miriade di stili, incorporando moltissimi linguaggi, dai più classici alle più innovative sperimentazioni. E in questa edizione il jazz che verrà presentato sarà tutto questo: sarà luogo di conforto per la perdita di un amico e di un collega, declinato in un omaggio festivo ed avvincente, sarà improvvisazione e sperimentazione con i gruppi d’apertura, contaminazione con gli ensemble principali, con i quali Pino ha suonato nel corso del tempo, dimostrando la sua grande poliedricità”.

Si tratta di tre serate di due concerti ciascuna:

  • Giovedi’ 21 apre la serata il laboratorio popolare di musica jazz di Testaccio. A seguire, il quintetto “I Trovatori”, che suonano in chiave gipsy swing stile di Django Reinhardt le musiche del Trovatore di Verdi. Il quintetto si compone di tre grandi nomi della chitarra, Nicola Puglielli, Luca Pagliani, Roberto Nicoletti; il sax soprano e clarinetto Gabriele Coen e il contrabassista Bruno Zoia.
  • Venerdi’ 22 apre Testaccio e prosegue Pasquale Innarella Quartet che presenta l’album “Migrantes“, tra jazz, etica e politica. Si esibiscono Pasquale Innarella (sassofono), Francesco Lo Cascio (vibrafono), Roberto Altamura (batteria) e Mauro Nota (contrabbasso).
  • Sabato 23 apre la San Lorenzo Jazz Orchestra. Gli arrangiamenti si rifanno a Gil Evans e George Russell, oltre a brani originali, composizioni di musicisti afro-americani, latin-jazz, funk, new orleans, swing e quasi rock. I componenti della formazione sono: Tiziano Ruggeri (tromba), Carmen Falato (sax soprano), Danielle Di Majo (sax alto), Alessio Bernardi (sax alto e flauto), Michele De Vito (sax tenore), Davide Di Pasquale (trombone), Carlo Conti (sax baritono), Andrea Frascaroli (piano), Edmondo Cicchetti (contrabbasso), Massimo di Cristofaro (batteria), Marco Omicini (direzione e arrangiamento).
    A seguire, Pino Sallusti Septet, Legacy, nella quale si esibiranno Carlo Conti (sax baritono), Max Filosi (sax alto), Claudio Corvini (tromba), Marco Conti (sax tenore), Andrea Frascaroli (pianoforte), Fabrizio Cucco (basso elettrico), Gianni Di Renzo (batteria). L’ensemble proporrà l’album “Colors” sullo stile hard bop.

 

Lavinia Marnetto

Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.